Finto Legno sublimatico

Perchè scegliere la sublimazione “in finto legno” della Decortec

Nell’ambito dei serramenti in metallo questa tecnologia è largamente utilizzata per “nobilitare” con essenze legno i profili in estruso di alluminio.
Decortec è stata la prima azienda nel 2005 ad applicare questa tecnologia su persiane in acciaio preassemblate, creando di fatto un nuovo mercato nel settore trattamento superfici.

I vantaggi della sublimazione in finto legno

La decorazione con sublimazione presenta vantaggi significativi rispetto ad altre tipologie di decorazione di superfici metalliche quali:

  • migliore resistenza ai raggi UV (non si sbiadisce al sole)
  • migliore resistenza alla corrosione
  • facilità di cura e pulizia
  • minore impatto a sollecitazioni meccaniche
  • riduzione opere di manutenzione
  • strato decorativo che non si spezza sotto l’effetto dei sbalzi termici
  • resistenza a qualsiasi condizione operativa

Impiego

Siamo precusori in questo ambito e abbiamo perfezionato tecniche per applicare tale trattamento su serramenti in genere come persiane in acciaio a lamelle fisse ed orientabili (nei modelli Veneziane, Romane, Napoletane), portoni, combinate, vetrine, recinzioni in lamiera laserata, etc.
Inoltre siamo specializzati nell’offrire tale servizio anche su oggetti metallici (acciaio, alluminio, ottone, etc.) di varie forme e misure come: tubolari, gazebi e tettoie da assemblare, arredi sacri e funebri, oggetti di design, scale, lamierati, etc.

Il processo produttivo

È un processo fisico derivante da una serie di fattori.
Un impianto che crea sottovuoto o pressione pone in intimo contatto il un transfer sublimatico, precedentemente stampato, con il manufatto da decorare (pre-verniciato in polveri). Tramite il forno a circolazione d’aria, a flusso e a temperatura controllata (180°C – 200 °C), trasferisce, l’immagine prestampata dal transfer al manufatto stesso. Il processo di gassificazione permette di infiltarsi in profondità all’interno dello strato di vernice (pre-applicata) fino a 100 micron e lascia inalterate le caratteristiche fisico-chimiche. La pellicola (transfer) viene poi rimossa lasciando visibile il decoro oramai penetrato nella vernice.